BIOGATO

Innovazioni produttive per lo sviluppo
di una linea del wellness
e bio-galenica Toscana
Unknown_1

Il progetto "Innovazioni produttive per lo sviluppo di una linea del wellness e bio-galenica toscana" (acronimo "BioGaTo") nasce dalla collaborazione tra l'Industria Farmaceutica Galenica Senese,il Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali (INSTM) di Firenze ed il Laboratorio Interdipartimentale di Qualità delle Merci ed Affidabilità di Prodotto, PIN-Polo Universitario di Prato, Università degli Studi di Firenze (QuMAP-PIN), su finanziamento della Regione Toscana Linea di Intervento 1.5a-1.6 POR CReO 2007-2013.

È in corso di svolgimento dal 1° luglio 2013 e terminerà con il 30 settembre 2015.

Obiettivo di BioGaTo è contribuire alla individuazione e messa a punto a livello pre-competitivo di una gamma di prodotti nei settori nutraceutico, pharma, veterinario e medical devices, a partire da estratti di piante tracciate toscane, prevalentemente di filiera corta.

La finalità è realizzare un ampliamento della gamma commerciale di Industria Farmaceutica Galenica Senese, valorizzando materie prime legate al territorio per produrre ingredienti funzionali, atti a caratterizzare i nuovi prodotti.

Una realizzazione importante per conseguire l'obiettivo è costituita dall'impianto di estrazione innovativo, che si compone: di un modulo di estrazione in acqua e concentrazione per evaporazione; un modulo di estrazione di oli essenziali e sostanze volatili; un emulsionatore per la produzione di creme. All'impianto lavorano direttamente 4 unità tecniche, addette alle varie mansioni, e 2 unità di laboratorio per il controllo qualità (materie prime, andamento dei processi estrattivi, prodotti ottenuti). Per i prodotti liquidi, trovano anche impiego alcune attrezzature tipiche dell'ambiente pharma, come la sperlatrice, che al momento viene usata per la definizione del profilo qualitativo delle formulazioni addizionate di principi attivi naturali.

La formazione del personale è in corso, e sarà completata a fine progetto, con addestramento a: gestione, estrazione e controllo qualità di numerose matrici vegetali ed estratti, ciascuno ottenuto con proprie peculiarità di processo; analisi delle procedure a tutti i livelli: dal ricevimento materie prime alla spedizione dei prodotti; aspetti normativi e autorizzativi.

 

 


 

L'attività di BioGaTo ha richiesto, nello specifico, successive fasi operative, durante le quali gli organismi di ricerca hanno trasferito le proprie conoscenze al personale, con progressivo sviluppo interno di nuove competenze. Le principali fasi sono state:

Ricerca, sviluppo e applicazione di tecnologie farmaceutiche per l'identificazione e uso di principi attivi naturali a specifica attività biologica.

Sono state identificate, con l'ausilio di INSTM, le principali filiere di produzione di materie prime tracciate toscane, da considerare nel progetto.

Sono stati purificati e standardizzati principi attivi naturali, ottenuti da essenze vegetali autoctone, con la collaborazione di QuMAP-PIN, per studiarne la composizione molecolare e valutarne gli impieghi in rapporto alle produzioni realizzabili.

Innovazione e qualificazione di processi produttivi nei settori: nutraceutico, farmaceutico umano/veterinario e medical devices.

È stato identificato e realizzato un impianto pre-industriale, con caratteristiche innovative, per l'estrazione e prima valorizzazione di estratti naturali.

Gli estratti standardizzati sono stati considerati come ingredienti funzionali innovativi da addizionare a nuove referenze e prodotti tradizionali, riformulati, dell'Industria Farmaceutica Galenica Senese.

I "Nuovi Prodotti", dopo analisi di performance e stress test presso il laboratorio interno ed i laboratori degli organismi di ricerca, riceveranno o meno una valutazione positiva, da cui potrà scaturire, a valle del progetto BioGaTo, un progetto di fattibilità industriale non solo per i tradizionali settori di intervento di Industria Farmaceutica Galenica Senese, ma anche per i nuovi settori food, feed e tessile (medical device).

Ampliamento dell'attuale gamma aziendale per i settori nutraceutico, pharma, veterinario e medical device, con deposito di patent di prodotto (brevetto), sui mercati nazionali ed internazionali, per una linea innovativa destinata sia al mercato nazionale che internazionale.

L'attività ad oggi svolta sta portando alla messa a punto di una mini-linea di integratori, alimenti dietetici o fortificati, bevande, medical device (cerotti, lavande), con deposito del marchio GRETA Naturaline per il mercato nazionale e internazionale.

Le principali specie officinali utilizzate per la produzione di estratti e la formulazione dei nuovi prodotti sono:

  • Ortica (Urtica dioica L.)
  • Melograno (Punica granatum L.)
  • Tè verde (Camellia sinensis L.)
  • Vite (Vitis vinifera L.), vinaccioli e foglie di vite rossa
  • Olivo (Olea europea L.), foglie e frutto
  • Castagno (Castanea sativa Mill.), tannini




Caricamento...